EconomiaNotizia

Medicare inizia a frenare i costi dei farmaci per gli americani più anziani

Il terzo grande cambiamento: quando i prezzi dei farmaci coperti dalla Parte D, e alcuni dalla Parte B, aumentano più rapidamente del tasso di inflazione, la legge ora richiede ai produttori di farmaci di pagare sconti o affrontare sanzioni severe.

Anche se questi sconti andranno a Medicare, non agli individui, “se sei responsabile di una parte del costo di un farmaco e ci sono limiti su quanto può aumentare, in teoria i tuoi costi dovrebbero diminuire”, ha detto Lipschutz.

Ci vorranno mesi prima che Medicare determini quali aumenti di prezzo richiederanno rimborsi e a quanto ammonteranno i rimborsi. Ma il Congressional Budget Office ha stimato che questa disposizione farà risparmiare a Medicare più di 56 miliardi di dollari in 10 anni.

Medicaid ha utilizzato una strategia simile dal 1990. “Ha sicuramente un effetto sul tenere sotto controllo la spesa”, ha affermato il dott. Cubanski. “La speranza è che abbia lo stesso effetto per Medicare”.

I cambiamenti negli anni successivi saranno più drammatici.

Nel 2025, Medicare fisserà un limite annuo di $ 2.000 per le spese vive per i beneficiari della Parte D. “Al giorno d’oggi, molti farmaci possono costare $ 500 o $ 1.000 al mese”, ha detto il dottor Cubanski. “O forse prendi 10 farmaci, e questo si aggiunge a costi vivi elevati.”

Una sorta di limite entrerà in vigore anche prima, nel 2024. In quel momento Medicare eliminerà il 5% di co-pagamento di cui i beneficiari sono responsabili una volta superata la soglia di spesa catastrofica, limitando efficacemente i costi vivi a circa $ 3.250. Il limite di $ 2.000 prende piede l’anno successivo. Anche l’accesso ai sussidi per i redditi bassi si allargherà.

Probabilmente il cambiamento politico più significativo è che la nuova legge impone a Medicare di iniziare a contrattare con i produttori di farmaci, “la prima volta che il governo federale non è solo autorizzato, ma obbligato a negoziare i prezzi per conto dei beneficiari di Medicare”, ha affermato il dott. Cubanski.


Source link

Related Articles

Back to top button