EconomiaNotizia

La popolazione cinese diminuisce, preannunciando una crisi demografica

Il paese più popoloso del mondo ha raggiunto un momento cruciale: la popolazione cinese ha iniziato a ridursi, dopo un costante calo del tasso di natalità durato anni che secondo gli esperti sarà irreversibile.

Martedì il governo ha dichiarato che 9,56 milioni di persone sono nate in Cina nel 2022, mentre 10,41 milioni di persone sono morte. Era la prima volta che le morti superavano le nascite in Cina dall’inizio degli anni ’60, quando il Grande balzo in avanti, il fallito esperimento economico di Mao Zedong, portò a una diffusa carestia e morte.

Le nascite sono scese da 10,6 milioni nel 2021, il sesto anno consecutivo in cui il numero era diminuito. Tale declino, unito a un aumento di lunga data dell’aspettativa di vita, sta spingendo la Cina in una crisi demografica che avrà conseguenze in questo secolo, non solo per la Cina e la sua economia, ma per il mondo, hanno affermato gli esperti.

“A lungo termine, vedremo una Cina che il mondo non ha mai visto”, ha detto Wang Feng, professore di sociologia all’Università della California a Irvine, specializzato in demografia in Cina.

“Non sarà più la popolazione giovane, vivace e in crescita. Inizieremo ad apprezzare la Cina, in termini di popolazione, come una popolazione vecchia e in calo”.

La notizia arriva in un momento difficile per il governo di Pechino, che sta affrontando le conseguenze dell’improvviso capovolgimento, lo scorso mese, della sua politica di tolleranza zero nei confronti del Covid.

Negli ultimi quattro decenni, la Cina è emersa come una potenza economica e la fabbrica mondiale. Quella trasformazione ha portato a un aumento dell’aspettativa di vita che ha contribuito alla sua situazione attuale: più persone invecchiano mentre nascono meno bambini. Entro il 2035, si prevede che 400 milioni di persone in Cina avranno più di 60 anni, pari a quasi un terzo della sua popolazione.

Questa tendenza sta accelerando un altro evento preoccupante: il giorno in cui la Cina non avrà abbastanza persone in età lavorativa per alimentare la crescita ad alta velocità che l’ha resa un motore dell’economia globale. La carenza di manodopera ridurrà anche le entrate fiscali ei contributi a un sistema pensionistico che è già sotto enorme pressione.

Il risultato, hanno sostenuto alcuni esperti, potrebbe avere implicazioni per l’ordine globale, con la popolazione indiana pronta a superare quella cinese entro la fine dell’anno, secondo una recente stima delle Nazioni Unite.

Questo momento non era inaspettato. L’anno scorso i funzionari cinesi hanno ammesso che il paese era sull’orlo di un declino della popolazione che sarebbe probabilmente iniziato prima del 2025. Ma è arrivato prima di quanto i demografi, gli statistici e il Partito Comunista al potere in Cina avessero previsto.

I funzionari hanno adottato misure per cercare di rallentare il calo delle nascite. Nel 2016 hanno allentato la politica del figlio unico in vigore da 35 anni, consentendo alle famiglie di avere due figli. Nel 2021 hanno alzato il limite a tre. Da allora, Pechino ha offerto una serie di incentivi alle coppie e alle piccole famiglie per incoraggiarle ad avere figli, tra cui sussidi in contanti, tagli alle tasse e persino concessioni sulla proprietà.

Xi Jinping, il massimo leader cinese, ha recentemente reso la questione una priorità, promettendo “un sistema politico nazionale per aumentare i tassi di natalità”. Ma in realtà, dicono gli esperti, il calo delle nascite in Cina rivela una tendenza irreversibile.

Insieme a Giappone e Corea del Sud, la Cina ha uno dei tassi di fertilità più bassi al mondo, al di sotto di quello che i demografi chiamano il tasso di sostituzione della fertilità necessario per far crescere una popolazione. Quella cifra richiederebbe che ogni coppia, in media, avesse due figli.

Finora, le misure del governo non sono riuscite a cambiare il fatto di fondo che molti giovani cinesi semplicemente non vogliono figli. Spesso citano il costo sempre più elevato per aumentarli, soprattutto con l’economia in uno stato precario.

Rachel Zhang, una fotografa di 33 anni a Pechino, ha deciso prima di sposare il marito che non avrebbero avuto figli. A volte, gli anziani della famiglia li tormentano per avere un bambino.

“Sono ferma su questo”, ha detto la signora Zhang. “Non ho mai avuto il desiderio di avere figli da sempre.” I costi crescenti per crescere un figlio e trovare un appartamento in un buon distretto scolastico hanno rafforzato la sua determinazione.

Altri fattori hanno contribuito a tale riluttanza ad avere più figli, compreso l’onere che molti giovani adulti affrontano nel prendersi cura di genitori e nonni anziani.

La rigorosa politica cinese “zero Covid” – quasi tre anni di test di massa, quarantene e blocchi, che hanno portato alcune famiglie a rimanere separate per lunghi periodi di tempo – potrebbe aver portato ancora più persone a decidere di non avere figli.

Luna Zhu, 28 anni, e suo marito hanno genitori disposti a prendersi cura dei loro nipoti. E lavora per un’impresa statale che fornisce un buon pacchetto di congedo di maternità. Ma la signora Zhu, che si è sposata cinque anni fa, non è interessata.

“Soprattutto negli ultimi tre anni dell’epidemia, sento che molte cose sono così difficili”, ha detto la signora Zhu.

Li Tu ha contribuito alla ricerca.


Source link

Related Articles

Back to top button