EconomiaNotizia

La Disney si oppone alla ricerca di un posto a bordo di Nelson Peltz

L’investitore attivista Nelson Peltz sta spingendo per un posto nel consiglio di amministrazione della Disney, ha confermato la società mercoledì, dicendo che ha raccomandato agli azionisti di votare contro il suo sforzo. Il signor Peltz, noto per mettere una lente d’ingrandimento sui costi, vuole che la Disney rinnovi la sua attività di streaming, si concentri nuovamente sulla crescita dei profitti, ripristini il suo dividendo e ripulisca la disordinata pianificazione della successione dell’azienda.

In una dichiarazione, il consiglio di amministrazione della Disney ha affermato di “rimanere aperto a un impegno costruttivo e a idee che aiutano a promuovere il valore per gli azionisti”, osservando che i dirigenti senior dell’azienda e i membri del consiglio si sono “impegnati con il signor Peltz numerose volte negli ultimi mesi”.

Trian Partners, la società di investimento guidata dal signor Peltz, ha preso una quota di circa 900 milioni di dollari in Disney, secondo due persone a conoscenza della questione, che hanno parlato in condizione di anonimato a causa della natura delicata delle discussioni del consiglio. I dirigenti di Trian hanno incontrato martedì a Los Angeles Robert A. Iger, amministratore delegato della Disney, e Christine M. McCarthy, direttore finanziario della Disney, nel tentativo di evitare una battaglia per procura, hanno detto le persone. Nessun accordo è stato raggiunto dopo la riunione di 45 minuti.

Mercoledì, la Disney ha offerto al signor Peltz un ruolo di “osservatore del consiglio” e gli ha chiesto di firmare un accordo che limiterebbe la capacità di Trian di acquistare più azioni. Il signor Peltz ha rifiutato. Più tardi mercoledì, Trian ha reso pubblica la sua campagna con un sito web chiamato Ripristina la Magia.

Il signor Peltz, 80 anni, ha ripetutamente criticato il signor Iger per aver orchestrato l’acquisizione da parte della Disney di $ 71,3 miliardi di beni della 21st Century Fox nel 2019. Tale acquisizione, insieme alla pandemia, ha caricato la Disney di circa $ 45 miliardi di debiti. Il signor Peltz ha detto che la Disney ha pagato drasticamente più del dovuto. L’accordo, tuttavia, ha portato due dirigenti molto apprezzati – Dana Walden, che ora è il capo della televisione di intrattenimento della Disney, e John Landgraf, che gestisce FX Networks – nell’ovile della Disney. Ha anche dato alla Disney la proprietà di “The Simpsons”.

Il signor Peltz non vuole rimuovere il signor Iger dalla carica di amministratore delegato, secondo una delle persone informate sulla questione. Invece, vuole che la Disney cambi il suo piano di successione in modo che l’attuale mandato del signor Iger sia l’ultimo.

Il signor Iger è stato amministratore delegato della Disney dal 2005 al 2020, un periodo di crescita spettacolare. Ma ha rinviato il suo ritiro quattro volte, mettendo da parte aspiranti successori, molti dei quali hanno finito per lasciare l’azienda. All’inizio del 2020, il signor Iger si è dimesso bruscamente e ha nominato Bob Chapek, allora presidente del parco a tema Disney, come suo successore.


Cosa consideriamo prima di utilizzare fonti anonime. Le fonti conoscono le informazioni? Qual è la loro motivazione per dircelo? Si sono dimostrati affidabili in passato? Possiamo confermare le informazioni? Anche con queste domande soddisfatte, The Times utilizza fonti anonime come ultima risorsa. Il giornalista e almeno un editore conoscono l’identità della fonte.

Il signor Chapek ha ricevuto una mano non invidiabile: ha dovuto affrontare la pandemia, che ha danneggiato gravemente la maggior parte delle attività della Disney. Alla fine, tuttavia, il signor Chapek è inciampato più di quanto sia riuscito, coinvolgendo la Disney in un imbroglio politico in Florida, subendo drastiche perdite nello streaming e alienando importanti partner creativi a Hollywood. La Disney ha licenziato il signor Chapek a novembre e ha portato il signor Iger fuori dalla pensione per riprendere le redini. Il consiglio ha dato al signor Iger un contratto di due anni.

Prima di essere estromesso, il signor Chapek ha annunciato che la Disney avrebbe “cercato ogni via di operazioni e manodopera per trovare risparmi”. Tale iniziativa, sebbene ritardata dallo sconvolgimento in cima alla Disney, continua e dovrebbe includere licenziamenti. Il signor Iger ha anche annunciato una ristrutturazione che cambierà il modo in cui operano i servizi di streaming della Disney. L’unità diretta al consumatore della Disney ha accumulato perdite per $ 1,5 miliardi nel trimestre più recente, rispetto ai $ 630 milioni nello stesso periodo di un anno fa.

Questa è la seconda volta in sei mesi che la Disney subisce pressioni da parte di un investitore attivista. Durante l’estate, Third Point, una società di investimento attivista fondata da Dan Loeb, ha chiesto alla Disney di prendere in considerazione l’idea di scorporare ESPN, tra le altre mosse. Alla fine, la Disney ha accettato di aggiungere Carolyn Eversonun ex dirigente di Facebook e MTV Networks, al suo consiglio di amministrazione, e il signor Loeb si è dimesso.

Sempre mercoledì, la Disney ha dichiarato che Mark G. Parker, il presidente esecutivo della Nike, diventerà il presidente della Disney dopo l’assemblea annuale degli azionisti della società, se verrà rieletto all’assemblea. Tutti i membri del consiglio Disney devono essere rieletti dagli azionisti ogni anno. Il signor Parker fa parte del consiglio da sette anni.

Non è ancora stata comunicata una data per l’incontro; di solito si svolge a marzo.

Il signor Parker avrebbe avuto successo Susan E.Arnoldche è presidente del consiglio di amministrazione della Disney dal 2021. La signora Arnold, ex dirigente del gruppo Carlyle e Procter & Gamble, fa parte del consiglio di amministrazione della Disney dal 2007 e deve dimettersi a causa di un limite di mandato.

Un po’ controverso, la signora Arnold ha supervisionato il rinnovo del contratto del signor Chapek a giugno, concedendogli all’epoca quasi altri tre anni come amministratore delegato.

Mr. Parker guiderà anche un comitato di nuova creazione per la pianificazione della successione, che esaminerà i candidati CEO interni ed esterni.

Come attivista, il signor Peltz è ampiamente noto per la sua attenzione alle operazioni, piuttosto che per spingere per fusioni o vendite come fanno molti altri attivisti. Il signor Peltz è stato in precedenza membro di altri consigli di amministrazione di società tra cui Procter & Gamble e Unilever. Tuttavia, un’azienda come la Disney può presentare una serie di sfide: gestire un’impresa di successo a Hollywood è molto difficile da fare con un budget limitato.


Source link

Related Articles

Back to top button