EconomiaNotizia

Ginny Redington Dawes, compositrice di memorabili jingle pubblicitari, muore a 77 anni

Ha iniziato la sua carriera musicale come cantante, con ottime recensioni.

Quando è apparsa nel 1975 al Coriander, un ristorante nell’Upper East Side di Manhattan, John S. Wilson di The Times l’ha definita una “artista sorprendente” che ha cantato “con una voce profonda, forte, meravigliosamente controllata, piena di colori vividi, mentre passa da passaggi bassi e sexy a un grido aperto e vigoroso.

Virginia Mary Redington è nata il 13 maggio 1945 a Brooklyn ed è cresciuta nella sezione Bay Ridge del distretto. Suo padre, Joseph, era un architetto navale. Sua madre, May (O’Brien) Redington, era un’insegnante.

Virginia ha frequentato la Fontbonne Hall Academy di Brooklyn e si è laureata in inglese al St. Josephs College, sempre a Brooklyn, nel 1966.

Lei e Mr. Dawes – uno dei fondatori del gruppo folk-pop The Cyrkle, meglio conosciuto per il suo singolo di successo del 1966 “Red Rubber Ball”, scritto da Paul Simon e Bruce Woodley dei Seekers – si sono sposati nel 1979 e, unendo i loro talenti, ha formato TwinStar Music per produrre jingle

La coppia ha anche scritto il libro, la musica e il testo di “The Talk of the Town”, uno spettacolo sulla leggendaria tavola rotonda letteraria all’Algonquin Hotel, i cui membri includevano Dorothy Parker, Robert Benchley e George S. Kaufman. Prodotto per la prima volta nel 2004, è andato in onda per quasi due anni al Bank Street Theatre prima di trasferirsi come spettacolo di cabaret all’Oak Room dell’Algonquin Hotel.

Recensendo lo spettacolo per Bloomberg News, John Simon ha scritto che la sua musica e il suo spirito corrispondevano “all’energia contagiosa e alla raffinatezza dei luminari della vita reale su cui si basa”.

La signora Dawes era anche una collezionista di gioielli antichi e autrice, con suo marito (che ha scattato le fotografie) e altri, di diversi libri sull’argomento, tra cui “The Bakelite Jewelry Book” (1988), con Corinne Davidov, e ” Georgian Jewellery 1714-1830” (2007), con Olivia Collings, collega collezionista di Ms. Dawes.


Source link

Related Articles

Back to top button