EconomiaNotizia

Dopo un’esplosione di nuove imprese, si intromette un’economia in via di raffreddamento

Un risultato inaspettato dell’era della pandemia è stato un aumento dell’attività imprenditoriale. Dal 2020, le domande per l’avvio di nuove attività sono salite alle stelle, invertendo un crollo decennale.

Le ragioni del boom sono molteplici. Milioni di persone sono state improvvisamente licenziate, dando loro il tempo e la voglia di avviare nuove attività. I risparmi personali sono aumentati, sostenuti in parte da un mercato azionario schiumoso e dai pagamenti di stimolo del governo, fornendo agli aspiranti imprenditori i mezzi per realizzare le loro visioni. I tassi di interesse più bassi rendevano il denaro economico e ampiamente disponibile.

Ma l’esuberante contesto economico che ha contribuito a promuovere questo spirito imprenditoriale ha lasciato il posto a un’inflazione elevata, tassi di interesse in aumento e risparmi in calo. Ciò ha lasciato queste nascenti aziende a navigare in difficili correnti finanziarie incrociate – e una possibile recessione – in un momento in cui sono più fragili. Anche in condizioni normali, circa la metà delle nuove imprese fallisce entro cinque anni.

“Le giovani imprese sono intrinsecamente vulnerabili”, ha affermato John Haltiwanger, economista dell’Università del Maryland che studia imprenditorialità. “È probabile che falliscano, ed è particolarmente probabile che falliscano in una recessione”.

Nel 2021, gli americani hanno presentato domande per avviare 5,4 milioni di nuove imprese, secondo i dati del Census Bureau. Ciò si aggiungeva ai 4,4 milioni di domande presentate nel 2020, che era stato di gran lunga il più alto negli oltre 15 anni in cui il governo aveva tenuto traccia. (I depositi dall’anno scorso fino a novembre erano in corso prima del 2020 ma dietro il 2021; i dati per dicembre saranno pubblicati questa settimana.)

I dati sulla formazione effettiva delle imprese non saranno disponibili prima di diversi anni, quindi non è ancora possibile misurare gli effetti del raffreddamento dell’economia sulle nuove imprese. Il successo di queste nuove imprese potrebbe avere ampie implicazioni per la salute e il dinamismo dell’economia in generale.

“L’innovazione favorisce l’aumento della produttività”, ha affermato John Dearie, presidente del Center for American Entrepreneurship, un’organizzazione di difesa. “E l’innovazione arriva in modo sproporzionato dalle nuove imprese”.

Ma ha avvertito che la politica monetaria della Federal Reserve – intesa a reprimere gli aumenti di prezzo più rapidi degli ultimi decenni – sta “aumentando i venti contrari che devono affrontare gli imprenditori alla forza della burrasca schiacciando la domanda e aumentando il prezzo del denaro”.

Nelle interviste, gli imprenditori hanno espresso un misto di risolutezza e rassegnazione per i mesi a venire. Alcuni hanno affermato di aver imparato lezioni dallo sconvolgimento della pandemia su come sopportare le avversità finanziarie che credevano avessero reso i loro modelli di business a prova di recessione. Altri erano lucidi sulla necessità di finanziamenti esterni che temevano non sarebbero più arrivati.

“Sicuramente è stata una corsa accidentata”, ha detto Jennifer Sutton, che ha aperto un bar di succhi e benessere a Park City, nello Utah, nel 2021. È molto preoccupata per l’inflazione, ha detto, così come per la prospettiva di una recessione che potrebbe ridurre il turismo da cui dipende la sua attività. Ha aperto una seconda sede all’interno di un negozio di alimentari, in parte perché richiedeva meno capitale iniziale rispetto all’apertura di un altro negozio autonomo.

In molti modi, tuttavia, la signora Sutton è fortunata. Ha in gran parte autofinanziato la sua azienda, High Vibes Juicery and Wellness Bar, con i risparmi della sua famiglia e il debito della carta di credito.

Taylor Wallace, un imprenditore in Florida, si trova in una posizione diversa.

Dopo essere stato licenziato dalla società di realtà aumentata Magic Leap all’inizio della pandemia, si è ricollegato con un amico, Mike Mayleben, che stava cercando di avviare un’attività di asilo nido per cani. Nell’autunno del 2020, i due hanno iniziato ad acquisire asili nido per cani che erano in vendita, trasformandoli in una nuova attività chiamata Paws ‘n’ Rec.

L’azienda, che offre asili nido, pensione e toelettatura basati sui membri, ha attualmente due sedi nell’area di Tampa, in Florida, con una terza in costruzione. Ma l’azienda vuole crescere aprendo più sedi, proprio mentre l’inflazione sta spingendo verso l’alto i costi di costruzione e l’aumento dei tassi di interesse sta rendendo più onerose le condizioni sui prestiti. I suoi costi di prestito sulla linea di credito della società, a cui prevede di attingere presto, si basano sui tassi di interesse prevalenti e sono aumentati di oltre quattro punti percentuali rispetto a un anno fa.

“Il fatto che il debito sia più costoso sarà una sfida enorme per noi e per tutti”, ha affermato. “Quando abbiamo iniziato, avevamo a che fare con il fatto che il denaro fosse il più economico che sia mai stato negli Stati Uniti.”

Anche i tassi di interesse più elevati e l’incertezza sull’economia sembrano prosciugare le fonti di capitale che scorrevano una volta, hanno affermato alcuni imprenditori.

Quando Lundon Attisha ha avviato la sua prima attività, Bidstitch, un mercato online in abbonamento e un sito di notizie per abbigliamento vintage, nell’estate del 2021, è stato rapidamente in grado di raccogliere circa $ 200.000 in capitale di rischio e investimenti angelici.

“Pensavo di essere il protagonista assoluto della raccolta di capitali”, ha detto il signor Attisha, che ha lasciato il suo lavoro in uno studio legale entro un mese per avviare la sua azienda. “Lo spazio era in qualche modo spremuto a quel punto.”

Ma gli investitori sembravano molto più riluttanti a investire denaro in società in fase iniziale quando è andato di nuovo a raccogliere fondi l’anno scorso, ha detto. “Il tono della stanza con gli investitori: c’è stato un cambiamento palpabile”, ha detto. Ha finito per vendere Bidstitch a settembre a una società in portafoglio a Los Angeles.

Quell’esperienza ha contribuito a plasmare il modello di business per una seconda società che ha avviato l’anno scorso, Cita Reservations, un sistema di prenotazione online per tavoli in ristoranti ricercati. Piuttosto che fare affidamento su finanziamenti esterni, la società ha iniziato a far pagare subito le persone, vendendo le prenotazioni in alcuni ristoranti per $ 200. Per attirare l’attenzione, regala prenotazioni agli influencer dei social media.

“Dobbiamo essere molto più attenti a dove stiamo mettendo le risorse”, ha detto.

I dati del censimento mostrano che un’ampia fascia di applicazioni per nuove imprese era destinata a ditte individuali che non avevano intenzione di assumere dipendenti. Molte dichiarazioni riguardavano anche aziende di settori che erano stati sconvolti dalla pandemia, tra cui vendita al dettaglio, servizi di ristorazione e logistica, alcuni dei quali potrebbero aver sostituito altri chiusi.

Ma nonostante un rallentamento che potrebbe danneggiare le nuove imprese, molti economisti sono ottimisti sul fatto che la corsa all’avvio di imprese iniziata nel 2020 si tradurrà comunque in crescita dell’occupazione, innovazione e, in definitiva, un’economia più produttiva.

“Molte di queste nuove imprese continuano a crescere e ad assumere”, ha affermato Luke Pardue, economista di Gusto, una piattaforma di buste paga e benefit per piccole imprese. “Queste nuove imprese stanno davvero guidando la crescita dell’occupazione in questo momento perché continuano a crescere e perché sono ambiziose nei loro ruoli futuri”.

L’amministratore delegato di un produttore di aspirapolvere a Price, nello Utah, che suo padre ha avviato nel 1985, Spencer Loveless si è sentito frustrato durante i primi mesi della pandemia perché i problemi della catena di approvvigionamento gli impedivano di ottenere parti dalla Cina. Così ha iniziato a utilizzare le stampanti 3D che la sua azienda aveva a portata di mano per realizzare le sue parti. Le aziende che erano allo stesso modo bloccate nei ringhi della catena di approvvigionamento hanno saputo di ciò che stava facendo e hanno iniziato a chiedergli di stampare articoli anche per loro.

Nel novembre 2020 ha avviato Merit3D, un’azienda di stampa 3D. L’azienda originariamente aveva due dipendenti, ma è cresciuta. L’anno scorso aveva 20 operai; quest’anno punta ad averne dai 30 ai 40.

I suoi piani di assunzione non si fermano qui. Vuole che Merit3D alla fine abbia 1.700 dipendenti, contribuendo a compensare la perdita di posti di lavoro nelle vicine centrali elettriche che verranno chiuse negli anni a venire.

Mr. Loveless ha affermato che il suo obiettivo per quest’anno era quello di “portare quante più entrate possibili all’azienda in modo che possa sostenersi il prima possibile”. Era relativamente indifferente alla prospettiva di una recessione economica.

“Penso che la recessione colpirà più duramente di quanto la maggior parte della gente pensi”, ha detto. “Il modo in cui ci prepariamo è che diventiamo i migliori in quello che possiamo fare”.


Source link

Related Articles

Back to top button